La ricetta della Sportella e del Ceremito

Le schiacce briache hanno riscosso molto successo tra i golosi, come negargli il premio per il dolce più importante e forse anche il più buono dell’isola d’Elba?

Oggi, però, continuiamo la nostra rubrica culinaria con un’altra ricetta di un dolce tipico per Pasqua dell’isola d’Elba: la famosa sportella e il meno conosciuto ceremito, che vogliamo riportare alla luce, come fedele compagno della sportella stessa.

Pasqua si avvicina e nel versante orientale, nel quale sono radicata, basta aprire una finestra di casa per sentire il profumo delle sportelle appena sfornate.

La tradizione narra che sportella e ceremito, venivano donati come dichiarazione d’amore.

Il ragazzo regalava, per la Domenica delle Palme, il ceremito, in un cesto ornato di fiori, alla ragazza di cui era infatuato. La ragazza, a sua volta, se contraccambiava l’interesse, per la Domenica di Pasqua, faceva benedire e infiocchettare la sportella per regalarla a sua volta al ragazzo.. In alternativa, gli spettava una “scarica di legnate”!

Esistono molte ricette per la realizzazione della sportella e del ceremito. Probabilmente una diversa per ogni famiglia, che negli anni l’ha adattata ai propri gusti.

La ricetta della mia famiglia, modificata nel tempo, è molto semplice, gli ingredienti sono pochi e semplici da trovare. Il ceremito avrebbe una preparazione e ingredienti un po’ diversi, ma per semplificare, ho utilizzato la stessa ricetta della sportella.

  • 500 g di zucchero
  • 5 uova
  • 200 g di burro
  • 2 bustine di lievito per dolci
  • 3 cucchiai di olio
  • 1 bicchiere di latte
  • Farina q.b
  • Scorza di limone grattugiato
  • Chicchi di zucchero colorati

Prendiamo una ciotola bella grande e iniziamo il procedimento mettendo le uova e lo zucchero e con una frusta iniziare a sbattere il composto (non ho voluto usare quelle elettriche, per cercare di avere il risultato più simile possibile a quello delle mie nonne, che mettevano nel dolce tutta la loro forza e passione).

Dopodiché ho aggiunto il burro fuso a temperatura ambiente, l’olio, il latte e la scorza di limone e ho continuato a mescolare il tutto con la frusta.

A poco a poco aggiungere la farina e il lievito setacciati. Purtroppo nella ricetta non è specificata la quantità della farina, che è fondamentale, e anche io, che era la prima volta che mi immedesimavo in questo procedimento, mi sono trovata un po’ spiazzata.

Nonostante le chiamate a mia nonna e mia mamma, chiedendo aiuto sulla quantità della farina, mi hanno risposto con il classico: “Vedi te, fai a occhio”.

Quindi vi posso solo dire, che di farina ce ne vuole abbastanza! Il composto deve venire bello omogeneo e liscio, come quello della frolla. Occhio a non esagerare, altrimenti il risultato sarà un po’ duro.

Una volta pronto, prendere dei piccoli pezzi di impasto e iniziare ad arrotolarli con le dita, formando un cilindro di circa 40/50 centimetri.

Per le sportelle è necessario sovrapporre i lembi quasi a formare un fiocco.

Mentre per il ceremito prendere le estremità del cilindro, e dopo averle allineate, avvolgerle su se stesse due o tre volte, avendo cura di lasciare sulla cima un grosso occhiello.

Una volta pronte tutte le forme, spennellare la superficie con il rosso d’uovo e arricchire le sportelle con i chicchi di zucchero colorati.

Infornare a 180° con forno statico e lasciar cuocere per circa 15/20 minuti.

La casa si inonderà di un profumo inebriante.. Basterà lasciare aperta la finestra di casa, per far venire l’acquolina in bocca anche ai vicini.

Con sportelle e ceremito, vi mandiamo i nostri più sinceri auguri di una felice Pasqua, che ognuno di noi passerà a casa, chi con la famiglia o chi da solo, ma con questo piccolo articolo speriamo di farvi compagnia e di tenervi occupati con la preparazione di un dolce che unisce, seppur virtualmente!

Scopri la storia della Sportella e del Ceremito!

No comments
La ricetta della Sportella e del Ceremito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.