Come Visitare Montecristo

Foto credit: Wikipedia

Come visitare Montecristo è una delle domande che ci vengono fatte spesso. L’isola si porta dietro molto fascino e il solo fatto che non sia possibile visitarla la rende ancora più interessante. Sono solo mille i visitatori autorizzati alla visita e la cosa ha stuzzicato la curiosità di molti, in tutto il mondo.

In sintesi: si paga 100 euro, si può partire dall’isola d’Elba (da Porto Azzurro), ma anche da Piombino. 
Un’altra tratta prevede corse da Porto Santo Stefano, passando per l’isola del Giglio per arrivare a Montecristo.
Dal 2019 si fa tutto online 🙂

L’isola selvaggia

Vediamo adesso nel dettaglio quindi quali sono i passi da fare per poter visitare quest’angolo di paradiso.

Come visitare Montecristo: premesse

Alcune premesse d’obbligo. A gestire le trasferte verso Montecristo è il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano (PNAT) il quale ogni anno rilasciava un bando al quale chi voleva poteva partecipare ed essere inserito così in una graduatoria. Dal 2019 invece il Parco ha aperto una procedura più flessibile, complice anche il passaggio nella gestione delle escursioni dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Follonica al Parco stesso.

La priorità delle prenotazioni è andata a chi aveva fatto richiesta negli anni passati, ma tutti possono iscriversi.

Prima di visitare Montecristo: cosa aspettarsi

Le visite guidate sono abbastanza impegnative e poco adatte ai minori di 14 anni. Inoltre sono a carico dei visitatori tutte le accortezze della trasferta: cibo (il pranzo è al sacco a carico dei visitatori, per l’appunto); equipaggiamento (sono consigliate scarpe alte, materiale traspirante, zainetto con molta acqua potabile, un cambio di indumenti per le necessità del caso). Ricordatevi: non si può fare il bagno, né rimanere in spiaggia con ombrelloni e attrezzatura varia. Decisamente vietato lasciare ogni tipo di rifiuto: raccogliete tutto, sempre!

Queste tutte le indicazioni, i consigli, i suggerimenti per la visita rilasciate direttamente dall’Ente Parco:

  • Abbigliamento deve essere comodo e leggero. In primavera ed autunno è consigliato l’uso di una giacca antivento e impermeabile, indumenti a strati per evitare eccessiva sudorazione ed essere equipaggiati contro il vento.
  • Consigliate le calze tecniche per evitare di sudare troppo.
  • Se avete bastoncini da trekking portateli. Sono utili soprattutto per l’equilibrio.
  • Consigliato inoltre l’uso di cappellino e di crema solare.
  • Portatevi tanta acqua da bere
  • Ricordatevi poi che sull’isola di Montecristo non ci sono punti ristoro, bar, ristoranti, market, niente.
  • Se ce l’avete portatevi un binocolo e un taccuino per registrare le eventuali osservazioni naturalistiche.
  • Avere uno zaino da escursioni è essenziale quindi: per acqua e viveri, ma anche per l’eventuale equipaggiamento (indumenti di scorta, cappello, crema solare, macchina fotografica, binocolo, taccuino).
  • Obbligatorio infine seguire attentamente le istruzione della Guida responsabile del gruppo e dei Carabinieri Forestali presenti sull’isola.

Cosa fare per visitare Montecristo

Basta visitare il sito creato ad hoc per le prenotazioni, inserire i propri dati e pagare la quota: 100 euro. L’importo comprende il trasporto, il biglietto di accesso all’isola e la guida.

Già perché non è possibile visitare Montecristo da soli. O meglio è possibile, ma solo con imbarcazioni da diporto sotto i 16 metri e inoltre, in questo caso, si deve fare richiesta direttamente al:

Reparto Carabinieri Biodiversità di Follonica (GR)
Telefono: 056640611
E-mail ufficio: 043591.001@carabinieri.it
P.E.C.: fgr43591@pec.carabinieri.it.
L’autorizzazione all’accesso consente la discesa a terra e la visita delle sole pertinenze di Cala Maestra e del museo fatta dal personale dei Carabinieri Forestali.

Il Corpo Forestale assicura l’accompagnamento, ma tutto quanto riguarda la visita è a carico dei richiedenti.

Visitare Montecristo: i trekking da fare

Sono tre i percorsi prestabiliti da poter seguire, a discrezione della guida, da due, tre e quattro ore ciascuno.

  1. Cala Maestra – Belvedere – Villa Reale.Difficoltà: medio-facile. Lunghezza m 2.031. Durata: 2 ore
  2. Cala Maestra – Monastero – Villa Reale. Difficoltà: impegnativo. Lunghezza m 3.110. Durata: 3 ore
  3. Cala Maestra – Grotta del Santo – Monastero – Villa Reale.Difficoltà: impegnativo. Lunghezza m 3.558. Durata: 4 ore

I visitatori saranno divisi in gruppi da 25 persone e ciascun gruppo sarà accompagnato da una Guida.

Quando si può visitare Montecristo

Le visite con le escursioni guidate si possono fare da marzo a ottobre di ogni anno. Fate attenzione alla pausa estiva di agosto: da metà luglio fino a oltre metà agosto infatti non ci sono date in programma.

Potete comunque consultare tutte le date sul sito, il quale restituisce tutte le date disponibili.

Orari e porti di partenza per visitare Montecristo

Le partenze sono previste da: Piombino Marittima, Porto Azzurro (Elba), Porto Santo Stefano (Grosseto), isola del Giglio.

Si parte sempre di mattina, si torna sempre di pomeriggio dello stesso giorno.
Di seguito trovate gli orari di partenza, arrivo e ritorno del traghetto.

   ANDATA  
Piombino Porto Azzurro Montecristo
8.30 9.20  
  9.30 11.15
  RITORNO  
Montecristo Porto Azzurro Piombino
16.15 18.00   
  18.10 19

 

   ANDATA  
Porto S. Stefano Giglio Montecristo
8.00 8.50  
  9.10 11.00
  RITORNO  
Montecristo Giglio Porto S. Stefano
16.00 17.50   
  18.00 18.50

 

Condividi:
1 comment
Come Visitare Montecristo

Related Posts

1 commento

Join the conversation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.